Il caso di Dr. Nittmann

Nel caso di Dr. Nittmann abbiamo condotto una campagna di sette anni per restaurare in Germania una delle più elementari parti della libertà di religione, cioè l'assenza di ogni obbligo di pagare contributi, tariffe, tasse od ogni altro supporto finanziario ad una chiesa alla quale non appartieni. Anche se suona incredibile, sulla base del concordato di Hitler del 1933, mai abolito, (in accordo col quale in Germania vengono collette le quote sociali della chiesa da parte dello stato per essa in forma di tasse statali, le cosiddette "tasse per la chiesa") quarant'anni più tardi il governo social-democratico della Germania occidentale guidato dal cancelliere Willy Brandt, poi Helmut Schmidt, introduceva una tassa forzata per la chiesa imposta ai disoccupati in Germania: Dal 1975 la tasse per la chiesa, che i non membri della chiesa non furono mai obbligati a pagare fu ciononostante, quando perdevano il loro lavoro, semplicemente detratta dalla loro indennità di disoccupazione e privata a loro da parte dello stato. In questo modo nel corso di alcuni decenni li sono stati rubati bilioni di Deutsche Mark, più tardi Euro – soldi ai quali avevano legalmente il diritto dopo aver pagato nella cassa di assicurazione contro la disoccupazione durante tutta la loro vita di lavoro! Centinaia, forse migliaia delle vittime si sono rivolte alla giustizia contro questo ratto di tasse a vantaggio delle due grandi chiese cristiane tedesche, ma tutte le loro querele furono respinte dai tribunali tedeschi e, naturalmente, mai menzionati con una sola parola dal corpo intero dei media (prima che noi siamo diventati attivi nell'affare distribuendo alcuni 100000 di volantini. Non dimenticate: tutte le udienze in Germania sono, al meno teoricamente, pubbliche cioè anche accessibili alla stampa – come sorprendentemente durevole era la sua riservatezza!)
Appoggiando una di queste querele sporta dall'editore Dr. Peter Nittmann nel 2001 e perseguitata per non meno di cinque (!) istanze giuridiche e rendendo pubblico il suo caso – e l'ingiustizia gigante relativa commessa contro milioni di atei ed altri non membri della chiesa in Germania – al pubblico internazionale, eravamo almeno capaci di costringere il governo tedesco ad abolire la sua legge infame il 1° gennaio 2005 – anche se un risarcimento delle vittime cioè il rimborso dei soldi rubati è stato sventato alla fine da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo che faceva sparire la pratica nel cassetto per tre anni e poi, sull'istigazione del giudice tedesco (!) a questa Corte, ha respinto la querela senza scrivere una sola riga di motivazione! (Non cessate mai di disprezzarli!)
Tuttavia, il successo conseguito in questo caso non sarebbe mai stato possibile senza l'attiva e costante solidarietà internazionale di migliaia di individui e molte organizzazioni straniere che, obbligati alla causa del secolarismo, seguivano il caso in modo fermo durante gli anni e non si stancavano mai ad indirizzare le loro proteste alle corti responsabili ed al governo tedesco.
Su questa pagina del nostro sito teniamo accessibile, per gli interessati, un numero di documenti informando di questo caso che dimostra molto sulla natura e la realtà dello stato della chiesa tedesco come pure sul funzionamento della giurisdizione cosiddetta "indipendente"… – ma anche sull'effetto che una decisa solidarietà internazionale può avere.

11.11.2008
Comunicazione attuale:
La querela del Dr. Nittmann respinta dalla Corte europea dei diritti dell'uomo senza motivazione ed udienza
Leggete di più >

Novembre 2007
Niente tassa obbligatoria per la chiesa per atei e appartenenti a minoranze religiose in Europa!
Il processo di principio Dr. Nittmann davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo!
Leggete di più >

2006
Tassa obbligatoria per la chiesa per disoccupati senza confessione in Germania
Leggete di più >

02.11.2005
»Può esser cestinato.«
La giustizia tedesca distrugge lettere di protesta. –
Il caso Dr. Nittmann davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo
Leggete di più >

05.07.2004
Novità sul caso Dr. Nittmann
Oppure: nuove mostruosità da parte dello stato della chiesa tedesco
Leggete di più >

24.10.2003
Tedeschi (e turchi) in guardia:
Il governo progetta un aumento delle tasse per la chiesa con la creazione di organizzazioni camuffate!
Leggete di più >

06.09.2002
Lo Stato clericale tedesco viola la Costituzione imponendo tasse truffaldine a milioni di disoccupati aconfessionali!
Leggete di più >